>> Quarti Finale, l' Editoriale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I QUARTI DI FINALE


 

 

 

 

ARSENAL – CHELSEA 5-6

 

Decisamente combattuto è stato il derby inglese che ha visto scendere in campo l’Arsenal, quarta in classifica, contro il Chelsea, quinto a un punto di differenza dai rossi. I pronostici favorivano l’Arsenal per lo scontro nel match di ritorno in campionato dove i Gunners hanno vinto 7-6 riuscendo a scavalcare gli avversari e a guadagnarsi il quarto posto con un solo punto di vantaggio. Nonostante ciò, nel match di andata durante il campionato gli azzurri del Chealsea avevano battuto i rivali inglesi con un sonoro risultato di 10-5.

Inizia il primo tempo e l’Arsenal non si risparmia: Kammou apre la partita, segnando un gol strepitoso e poco dopo Di Pinto porta la sua squadra già in netto vantaggio. Il Chelsea non si abbatte e al 10’ minuto di gioco Agresti trova il suo momento di gloria, segnando il gol del 2-1. Si respira un clima di forte tensione, il pubblico sugli spalti è agitato e i giocatori in campo decisamente nervosi; il giudice di gara è in procinto di sospendere la partita ma trova una soluzione: espelle due giocatori dei Gunners, Di Pinto e Forlini. Dopo la difficile decisione dell’arbitro, sembra che la situazione si sia placata e a pochi minuti dalla fine del primo tempo Kammou segna due incredibili reti che portano i Gunners al risultato di 4-1.

Riprende la seconda metà di gioco: nessuno si aspettava un Chelsea così demotivato. A un minuto dal fischio d’inizio, El Sallai subisce un brutto fallo per cui si guadagna una punizione: tira una cannonata in direzione del palo alla destra del portiere e il pallone va in rete. Sembra che l’intervallo abbia dato la giusta carica al Chelsea per riprendere questo match importante e, infatti, a due minuti di distanza dal gol appena fatto Gabriele si procura un’altra punizione: batte dalla distanza, il pallone sarebbe uscito di poco ma arriva l’intuizione di Agresti che devia il pallone ancora in volo e segna. 

Il pubblico è in visibilio, tutti conoscono le ottime prestazioni del Chelsea ma nessuno si aspettava che da quello svantaggio potessero recuperare la partita. Il Chelsea è resuscitato: al 4’ minuto di gioco il giudice di gara decide di annullare al Chelsea il gol del pareggio, ammonisce Kammou e da’ una punizione agli azzurri; batte Agresti che segna un bellissimo gol rasoterra all’angolo alla destra del portiere. Il risultato è di 4-4. 

L’Arsenal è incredula di fronte l’accaduto, probabilmente aveva sottovalutato gli avversari e non demorde: Kammou segna un entusiasmante gol e riporta la sua squadra in vantaggio. Nonostante siano passati solo pochi minuti dall’inizio del secondo tempo, tutti vivono una forte tensione rispetto l’andatura del match. Il Chelsea sembra essere consapevole delle sue abilità e soprattutto della buona probabilità di poter battere i rivali: a pochi minuti dal gol subìto, Gabriele inebria il pubblico con un bellissimo assist per Agresti che la mette in rete, segnando il suo terzo gol della partita e riportando il risultato in parità. 

L’Arsenal non riesce ad accettare l’affronto nemico e cerca in ogni modo di modificare il risultato per ottenere la vittoria ma al 12’ minuto di gioco Gabriele segna il gol del 5-6. 

I Gunners si rendono conto che la partita si sta per concludere e da qui iniziano un pressing mai visto per cambiare le cose: esce il portiere, Ciavolino, e Kammou prende una traversa ma il risultato non cambia. 

Termina così la prima partita dei Quarti di Finale con il risultato di 5-6 per gli azzurri del Chelsea che si aggiudicano la qualificazione per la Semifinale. 

Indiscutibilmente il protagonista del derby è Agresti che, oltre ad aver messo a segno una sonora tripletta, ha dato il massimo per la squadra, coprendo ogni ruolo e determinando l’esito finale. 

 

 

 

 

PARIS SG – ESPANYOL 7-8

 

Un altro match combattuto è quello che vede scontrarsi l’Espanyol contro il Paris Sg per la fondamentale qualificazione alla Semifinale. I pronostici favoriscono i parigini, vista l’ultima partita giocata dove i francesi hanno battuto gli avversari con un eclatante risultato di 8-4, nonostante nella partita di andata gli spagnoli erano riusciti a portare 3 punti a casa vincendo per un gol di differenza.

Comincia il primo tempo e nemmeno un minuto dopo il fischio d’inizio Ciccotti segna il gol del vantaggio, sfruttando un momento di distrazione della difesa avversaria. Al 10’ minuto di gioco, dopo le forti pressioni degli spagnoli, il Psg trova la sua occasione per rimediare all’errore iniziale: Vinciguerra tira dalla distanza e segna il gol del pareggio. Entrambe le squadre sembrano chiarissime rispetto l’obiettivo da raggiungere, la Semifinale. Si conclude la prima metà di gioco con il risultato di 1-1.

Nel secondo tempo la partita si fa decisamente più cruenta: l’Espanyol e il Psg si fanno in quattro per ambire alla qualificazione. Al 3’ minuto di gioco Piscopello regala uno spettacolare assist al suo compagno di squadra Palattella che segna la rete del vantaggio. L’Espanyol è in uno stato di completa euforia e sfrutta tutte le proprie risorse per portare a termine questo match, nonostante fosse dato per sfavorito. Dopo 15 lunghi minuti di agonia, il Psg trova il suo momento di gloria: Amici tira da fuori area e il pallone va a colpire il palo interno alla destra del portiere per poi finire in rete. Mancano pochi minuti alla fine della partita ma le squadre sono ancora piene di energie. A 3 minuti dalla fine di questo avvincente match Vinciguerra fa sognare la sua squadra e i suoi tifosi, mettendo a segno l’importantissima rete del 2-3. Sembra che la partita sia quasi giunta al termine ma, non appena il Psg ha abbassato la guardia, credendo di aver già battuto i rivali spagnoli, arriva l’incredibile intuizione di Ciccotti che realizza la rete del pareggio a pochi secondi dal fischio finale e da’ l’ultima speranza ai suoi compagni, portandoli ai temutissimi rigori.

Il clima è teso, nel pubblico domina un estremo silenzio, le squadre si schierano e l’arbitro da’ inizio alla fase dei rigori: il primo a tirare è Palattella dell’Espanyol che non sente nessuna tensione e con facilità realizza il primo gol. Successivamente, in ordine, segnano Vinciguerra, Cicchetti, Maesano, Ciccotti, Amicucci, Piscopello, Cattaneo e Cassuto. L’Espanyol porta a casa un’importantissima vittoria per la parata di Gagliardi al rigore di Amici; gli spagnoli si qualificano per la Semifinale.

 

 

 

 

 

BORUSSIA DORTMUND – SAMPDORIA 6-5

 

I pronostici parlano chiaro: i favoriti sono indubbiamente i tedeschi del Borussia, sia per aver concluso il campionato con la prima posizione in classifica che per aver battuto i rivali nelle partite di andata e ritorno con risultati schiaccianti.

Nonostante la certezza dei pronostici, il Borussia scende in campo con troppa sicurezza, sottovalutando i genovesi della Samp che sfruttano la disattenzione avversaria per tentare l’imprevedibile. Marimpietri si guadagna a tutti gli effetti il titolo di man of the match per la realizzazione di una devastante tripletta. I protagonisti tra i gialloneri sono decisamente Capolino, De Maria e il bomber Gretarsson i quali segnano una rete a testa. 

La partita si conclude con il risultato di 3-3 per cui le squadre devono battersi ai rigori. Il Borussia si aggiudica la qualificazione alla Semifinale battendo gli imprevedibili genovesi 6-5, nonostante questi ultimi abbiano dimostrato fino all’ultimo di essere una squadra degna della qualificazione.

 

 

 

 

 

MILAN – LIVERPOOL 3-5

 

Senza dubbio Inaspettato il match tra i lombardi, secondi in classifica, e i biancorossi del Liverpool. Nonostante i pronostici mettono in evidenza come i rossoneri abbiano maggiori probabilità di vittoria perché vantano un’ottima posizione in classifica e hanno battuto gli avversari nella partita all’andata, gli inglesi non vanno sottovalutati in quanto nel match di ritorno sono riusciti a battere i tanto temuti rossoneri.

Il Milan forse non aveva considerato le abilità impreviste del Liverpool e scende in campo senza considerare l’esito dell’ultima partita contro i rivali. Tra i rossoneri Iorio segna una fantastica doppietta e Forte un gol. I protagonisti del Liverpool sono indiscutibilmente Riem che segna una bellissima doppietta, Guerriero, Pilloni e Testa che segnano un gol a testa. 

La partita termina con l’inaspettato risultato di 3-5 per il Liverpool, che non tiene conto dei pronostici e si guadagna la qualificazione alla Semifinale, battendo la squadra seconda in classifica.

 

 

 

» Torna...